Every Day
Sardinia
Landscape
Cultura, tradizioni, mestieri, arti, tecniche antiche, sotto un sole contemporaneo. L'artigianato, la preparazione di cibi tipici: l'arte di fare i dolci e di preparare i vini e liquori.
Home » , , , , , , » Il Carnevale in Sardegna by simonetta manca (Always more busy! Sorry!)

Il Carnevale in Sardegna by simonetta manca (Always more busy! Sorry!)


Maschera tradizionale della Sardegna Il nostro carnevale non è certo leggiadro come quello di Venezia ma le nostre maschere traggono origine da riti e credenze precristiane e la loro nascita si perde nella notte dei tempi ... Spaventose maschere bestiali, copricapo con le corna caprine, volti anneriti con fuliggine di sughero ... le maschere danzano col loro passo ritmato e cupo al suono dei campanacci, allacciati alle loro spalle, sul giaccone di pelle di capra. Il Carnevale di molti paesi della Sardegna, non ha nulla di leggiadro e spensierato. Ogni paese ha le sue maschere, i suoi personaggi tradizionali ... ma tutti hanno un denominatore comune: il ricordo di sanguinosi ed oscuri riti, che prendono origine dai riti dionisiaci, giunti in Sardegna con le migrazioni micenea e greca. Anche il nome sardo del Carnevale, "Carrasegare" (che significa "carne da lacerare") ci fa pensare a un mondo oscuro di magia e di ancora più oscuri riti sacrificali, per propiziarsi il dio della fertilità, nel ciclo eterno di vita, morte e rinascita. Dreadful bestial masks, headgear with goatish horns, faces blackened with soot of cork ... the maskers dance with their rhythmical and gloomy step to the sound of the cowbells, buckled on their shoulders, on the heavy jacket of skin of goat. The Carnival, of many villages of Sardinia, don't have anything of pretty and carefree. Every village has its own masks, its traditional characters ... but they have all a common denominator : the memory of bloody and dark rites, risen by the Dionysiac rites, that reached in Sardinia with the Mycenaean and Greek migrations. Also the Sardinian name of the Carnival, "Carrasegare" (that means "flesh to lacerate") make we thinking of a dark world of magic and of again more dark sacrificial rites, to propitiate the god of the fertility, in the eternal cycle of life, death and rebirth. Alcuni amici mi hanno molto gentilmente fatto notare che la mano con la sigaretta all'angolo superiore della foto erano un elemento di disturbo ... Non ci avevo pensato! Non sono un genio con Photoshop! Questo è quanto sono riuscita a fare! Grazie ;0) - http://flic.kr/p/9nnsuE

di http://ift.tt/2e1Buuw; via http://ift.tt/2dMhEIL

SARDEGNA SHOP:
Libri | Musica | Artigianato sardo | Gioielli sardi | Fotografia in Sardegna

SHARE

0 commenti :

Posta un commento

Segui

OFFERTE PUBBLICITARIE

49,80 Euro, pagina dedicata per un anno
190 Euro, banner pubblicitario per un anno