Every Day
Sardinia
Landscape
Cultura, tradizioni, mestieri, arti, tecniche antiche, sotto un sole contemporaneo. L'artigianato, la preparazione di cibi tipici: l'arte di fare i dolci e di preparare i vini e liquori.

Su canisteddu. by Tamparinu


Questi cestini (Strexiu de fenu, in Sardo) sono fatti in giunco e fieno di un tipo di grano particolare, molto resistente: il Cappelli. In origine questi cestini dovevano essere molto resistenti perché erano usati per trasportare o contenere vettovaglie, soprattutto pane e farina. L’intreccio inizia dal centro dove si pone un pezzo di stoffa (Sa impanna) che può essere di semplice lana o di broccato. Un’altra particolarità dei cestini è l’eventuale decoro, si tratta di un disegno realizzato con delle striscioline di lana, di norma è un motivo floreale, oppure la riproduzione di alcune scene di caccia. Sono due i colori di questo ornamento: il più diffuso è il rosso (Su scarlattu) ma c’è anche il nero che richiama al lutto. Ce ne sono di diversi tipi e grandezze, tutti utilizzati nelle varie fasi della preparazione del pane fatto in casa. I cestini grandi, a costa alta e profondi si chiamano in sardo Sa crobi e Sa crobedda (più piccola), contenevano il grano, la farina e il pane pronto. Vi sono poi i cestini più bassi con un diametro superiore che supera anche il metro come Su canisteddu, Su pallini e Sa pallinedda, utilizzati per setacciare la farina o utilizzati come recipienti. Aveva invece soprattutto una funzione decorativa oltre a quella di contenitore Su coffinu, un cestino ampio, bombato e chiuso con un coperchio. (dal web) - http://flic.kr/p/92hxKv

di http://ift.tt/2e1Buuw; via http://ift.tt/2dMhEIL

SARDEGNA SHOP:
Libri | Musica | Artigianato sardo | Gioielli sardi | Fotografia in Sardegna

SHARE

0 commenti :

Posta un commento

Segui

OFFERTE PUBBLICITARIE

49,80 Euro, pagina dedicata per un anno
190 Euro, banner pubblicitario per un anno